5176119115_edb44e4674_b

Chi ama viaggiare lo sa: un luogo che coniughi cultura, architettura e silenzio, soprattutto se si sta visitando una metropoli caotica, è molto spesso ciò che mette la ciliegina sull’intera vacanza e che, anche a distanza di mesi, fa sentire la propria mancanza. Ogni città possiede un piccolo angolo di pace ed evasione dove perdersi.

Chi ama viaggiare, poi, sa anche questo: appena si ha concluso un viaggio, si comincia già a pensare al prossimo. E cosa c’è di meglio di qualche idea che ti faccia preparare nuovamente le valigie in un minuto, e salire sul primo aereo in partenza?

Biblioteca Nazionale Brasiliana, Rio de Janeiro, Brasile.

13147857855_466c4dd406_b.jpg

Il Real Gabinete Português de Leitura a Rio de Janeiro, è sicuramente una delle più caratteristiche biblioteche al mondo. Nasce nel 1837 grazie a un gruppo di quarantatré immigrati portoghesi rifugiati politici, ed è proprio grazie ai suoi padri fondatori che ospita da ormai due secoli un’ampia collezione di libri: 350.000 volumi, di cui la più grande quantità di testi portoghesi al di fuori del Portogallo.

Il Real Gabinete però, non limita la propria fama all’aspetto letterario. All’interno dell’edificio è l’architettura che per prima toglie il fiato ai visitatori. Tavoli, scaffali, colonne e decorazioni rigorosamente in legno, e un gigantesco lampadario lavorato che veglia su tutta la sala da lettura.

13147949963_9fd1c44b76_b


Biblioteca del Tempio di Haeinsa, Contea di Hapcheon, Corea del Sud

tripitaka

Il Tempio di Haeinsa è uno dei tanti spettacolari patrimoni arrivatici dall’antica civiltà orientale: è un luogo unico del quale si parla sempre citando un po’ la storia, un po’ la leggenda, un po’ la credenza religiosa. Esso rappresenta un pozzo di conoscenze per quanto riguarda il passato dell’Oriente e unisce in sé tesori di ogni tipo: arte, cultura e, ovviamente, infinite testimonianze storiche. La parte adibita a biblioteca del Tempio non costa che di due sale, quella orientale e occidentale, che però conservano un tesoro inestimabile: una collezione di oltre 81.258 testi buddhisti incisi su tavolette di legno nel XIII secolo d.C., che hanno valso al Tempio di Heinsa il riconoscimento come Patrimonio dell’Umanità.

Splendida è anche la stessa storia che riguarda la vita del tempio: costruito nell’802 d.C. e ospitante le tavolette in legno sin dal 1398, ha resistito per settecento anni, scampando l’invasione giapponese del 1500, sette incendi e un tentativo di bombardamento durante la Seconda Guerra Mondiale, consegnandoci tutto il complesso di tavolette in perfetto stato di conservazione.

¼¼°è±â·ÏÀ¯»ê Æȸ¸´ëÀå°æ


Beinecke Rare Book & Manuscript Library, New Haven, USA

Yale_University's_Beinecke_Rare_Book_and_Manuscript_Library

Appartenente all’Università di Yale, la Beinecke Library è una biblioteca di conservazione grazie alla sua ricchissima collezione di libri rari e antichi manoscritti. La bellezza della Beinecke Library sta nel suo non limitarsi alla semplice preservazione letteraria: ospita mostre, eventi e incontri rendono la biblioteca un vero e proprio centro di scambio culturale.

Chi si ferma a visitarla, se di passaggio nel Connecticut e a New Haven, può ammirare la sua particolare architettura e non solo l’enorme presenza letteraria: la biblioteca è infatti costruita con pareti in pietra che nelle giornate soleggiate filtrano la luce del sole, rendendo l’atmosfera delle sale perfetta per la lettura. Altro punto forte della biblioteca è la costruzione a vetri che ospita i manoscritti: una gigantesca teca in cui gironzolare alla scoperta del passato.

140701-editorial


Biblioteca dell’Abbazia di Admont, Admont, Austria

large_foto-articol-15878.jpg

Sette grandi cupole affrescate dalla sapiente mano di Bartolomeo Altomonte racchiudono l’edificio rococò della biblioteca dell’Abbazia di Admont. Costruita nel 1776 sotto l’imperatrice Margherita d’Austria, rappresenta la seconda più grande biblioteca monastica del mondo. La collezione del monastero benedettino conta infatti di ben 180.000 opere, di cui 1400 manoscritti e 530 incunaboli. Ad oggi, è un centro di scoperta per tutte le arti umane grazie all’affiliato museo di arte contemporanea, nato negli anni ’90, e agli eventi religiosi e culturali che ospita.

AFP-PHOTOSamuel-Kubani-Photo-credit-should-read-SAMUEL-KUBANIAFPGetty-Images

Photo credits: SAMUEL KUBANI/AFP/Getty Images

Biblioteca Municipale di Stuttgart, Stuttgart, Germania

stadtbib11_web4

La Biblioteca Municipale di Stuttgart, pur appartenendo a una città di 600.000 abitanti, ha fama mondiale grazie alla sua suggestiva architettura. Dopo il rinnovamento del 2011, infatti, presenta una struttura e uno stile tra i più moderni. L’edificio si eleva geometricamente su diversi piani, ognuno con una propria particolarità. Le caratteristiche più interessanti della biblioteca sono sicuramente il Cuore (Herz), ovvero uno spazio all’altezza del quarto piano in cui si trova una sala espositiva, il caffè letterario nel sottotetto e la Open End Area in cui si posso prendere in prestito e restituire i libri 24 ore su 24.

8473372192_7a668704e1_b


Biblioteca Nazionale Vittorio Emanuele III, Napoli, Italia

biblioteche-in-italia-biblioteca-vittorio-emanuele-iii-napoli

La Biblioteca Nazionale di Napoli deve la sua importanza principalmente a tre collezioni custodite al suo interno: quella riguardante gli autografi di Giacomo Leopardi, depositati qui alla sua morte dall’amico Antonio Ranieri; quella di Carlo di Borbone, con l’Officina dei papiri ercolanesi; e quella della Biblioteca Brancacciana, del Cardinale Brancaccio. Ad oggi la biblioteca ospita quasi due milioni di volumi, di cui circa 20.000 manoscritti, più di 8.000 periodici, 4.500 incunaboli e 1.800 papiri ercolanesi. Ricca è anche la collezione di opere sul mondo orientale.

BIBLIOTECA-NAZIONALE-NAPOLI


Biblioteca Statale del Victoria, Australia

Latrobe_Reading_Room

Nata nel 1856 e in una forma totalmente diversa da quella visibile ad oggi – che deriva dall’unione di 23 edifici differenti – la biblioteca non possiede solamente una vasta collezione di volumi in carta, ma anche un database dedicato per la lettura tramite ebook.

La Biblioteca Statale del Victoria è un esempio di come in un luogo di conoscenza, quale è la biblioteca, non ci si può mai fermare alla semplice esperienza offerta dalla lettura: è un centro di eventi letterari, mostre fotografiche e artistiche, laboratori, presentazioni e dibatti. L’edificio, inoltre, ospita anche un complesso di fotografie, mappe, lettere, diari e spartiti musicali.

image-20150416-19648-8qfe88

 


Biblioteca Nazionale della Cina, Pechino, Cina

8376879031_38ff05f9c1_b.jpg

La Biblioteca Nazionale Cinese, come ogni biblioteca nazionale che si rispetti, si compone di un edificio imponente e di una grandissima varietà di volumi conservati. Ospita infatti 23 milioni di libri e la più estesa raccolta di testimonianze documentarie e letterarie cinesi. Importantissimi sono infatti i 270.000 antichi e rari libri cinesi e documenti storici, gli oltre 1.640.000 libri thread-bound tradizionali cinesi, le circa 35.000 iscrizioni su ossa oracolari e gusci di tartaruga della dinastia Shang e la copia più completa dell’Enciclopedia Yongle.

Gigantesca e geometrica, moderna nello stile e nella propria architettura, la biblioteca si eleva su più piani pronta ad ospitare decine di migliaia di lettori e studiosi ogni giorno.

national-library-s


 

Annunci

13 thoughts on “8 biblioteche che ti faranno venire voglia di fare le valige e partire

  1. Attenzione: Ogni intervento all’interno del sito non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto e vagliato. I commenti o le parti ritenute inadatte o offensive non saranno pubblicate.

  2. Non so se mi attraggono di più gli edifici che ospitano le biblioteche o i libri.
    Quella che mi piace di meno… La vicinissima Napoli!!
    Però sono tutti degli ottimi motivi per partire!!

    1. Sì, quella di Napoli è la meno maestosa. Io farei giusto un salto in quella dello stato del Victoria, che è bello lontano così almeno una settimana o due di ferie ci sta 😅😄

  3. Sono tutte incredibili, la Biblioteca Nazionale brasiliana è un’opera d’arte! Leggere un buon libro in quell’atmosfera suggestiva dev’essere impagabile

    1. Sul serio! A me fa venire voglia di andare a scovare qualche libro interessante e sconosciuto tra i ripiani più alti, e poi obbligarlo a farmi compagnia per un pomeriggio intero!

    1. Il Tempio di Haeinsa ha catturato anche me! Nello scrivere l’articolo ho letto un sacco di leggende a riguardo che lo rendono a dir poco un posto magico.
      Grazie mille per esserti fermata a leggerlo!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...