La ragazza del treno – Paula Hawkins

Venerdì 5 luglio 2013

Mattina

Vicino alle rotaie c’è un mucchietto di vestiti. Un indumento azzurro, sembra una camicia, arrotolata insieme a qualcosa di bianco. Potrebbero essere stati buttati tra gli alberi lungo il terrapieno dagli ingegneri che lavorano a questo tratto di linea e che passano di qua molto spesso. Ma potrebbe anche trattarsi di qualcos’altro. La mamma mi diceva che avevo un’immaginazione troppo fervida; anche Tom lo pensava. Non posso farci niente: quando vedo degli abiti ridotti a brandelli, una maglietta sporca o una scarpa spaiata, non riesco a non pensare all’altra scarpa e ai piedi che le calzavano.

Il treno sobbalza e si rimette in movimento; riprende la corsa verso Londra. Procede lento, appena più veloce di un corridore in buona forma, ma i vestiti scompaiono alla vista. La persona seduta dietro di me sospira per sfogare un’inutile irritazione: il treno locale delle 8.04 da Ashbury a Euston mette a dura prova anche la pazienza dei pendolari più rassegnati. Il mio viaggio dovrebbe durare cinquantaquattro minuti, ma non capita quasi mai: è una linea vecchia, decrepita, funestata da problemi di segnaletica e lavori di manutenzione che sembrano non finire mai. Avanziamo a fatica, superando magazzini, ponti, capannoni, serbatoi dell’acqua e modeste abitazioni in stile vittoriano. Ho appoggiato la testa al finestrino e vedo sfilare il retro degli edifici, come se fosse il piano sequenza di un film. E’ una prospettiva unica, ignota persino agli stessi abitanti di quelle case. Due volte al giorno, solo per pochi, fugaci istanti, ho l’opportunità di sbirciare nella vita di quegli sconosciuti. C’è un che di rassicurante nel vederli sani e salvi tra le mura domestiche.

Sento la suoneria di un cellulare: una  canzoncina allegra e vivace, del tutto fuori luogo. Il proprietario ci mette un po’ a rispondere, la musica si diffonde tutto intorno. I miei compagni di viaggio si muovono sui sedili, sfogliano il giornale oppure lavorano al computer. Il treno fa una curva, poi rallenta in vista di un semaforo rosso. Cerco di non alzare lo sguardo, concentrandomi sul giornale gratuito che mi hanno dato all’ingresso della stazione, ma le lettere mi sembrano sfocate, non c’è niente che riesca a interessarmi. Continuo a vedere quel mucchietto di vestiti abbandonati lungo i binari.

 

Sera

Bevo un sorso, e il gin tonic in lattina trabocca. È forte e freddo; mi ricorda la prima vacanza con Tom, nel 2005, in un paesino di pescatori sulla costa dei Paesi Baschi. Ogni mattina nuotavamo per quasi un chilometro, fino all’isoletta che si trovava in mezzo alla baia, poi facevamo l’amore nelle calette più nascoste; il pomeriggio lo trascorrevamo seduti al bar a bere gin tonic che ci stordivano e a guardare i ragazzi che giocavano a pallone sulla spiaggia, durante la bassa marea, divisi in squadre numerose e male organizzate.

Mando giù un sorso, poi un altro; la lattina è quasi vuota, ma va bene così, ne ho altre tre nel sacchetto che ho appoggiato ai miei piedi. E’ venerdì: non devo sentirmi in colpa se bevo in treno. Finalmente è venerdì! Adesso inizia il divertimento.

Hanno detto che sarà un bel fine settimana: sole splendente, cielo sereno. Un tempo, saremmo andati fino a Corly Wood per un picnic, avremmo letto il giornale e passato il pomeriggio sdraiati su una coperta, a bere vino e goderci il sole tra gli alberi.

Poi avremmo fatto una grigliata con gli amici, o forse saremmo andati al Rose, ci saremmo seduti ai tavolini all’aperto, con la faccia arrossata dal sole e dall’alcol, e saremmo rientrati a passo incerto, tenendoci sottobraccio, per crollare infine sul divano.

Il sole splende, il cielo è terso, ma non ho nessuno con cui uscire e niente da fare. La mia vita, così com’è oggi, diventa più complicata in estate: le giornate sono lunghe e non c’è l’oscurità a proteggermi. Tutti vanno in giro a divertirsi e sono così disgustosamente felici. E’ frustrante. E tu ti senti a disagio se non riesci a essere come loro.

Il weekend si spalanca davanti a me: quarantotto ore vuote, tutte da riempire. Porto di nuovo la lattina alle labbra: non è rimasta neanche una goccia.

 

large-208

Dove puoi acquistare il libro:

C_4_articolo_2118361_upiImagepp

 

PIEMME

AMAZON

IBS.IT

 

 

 

 

Annunci

9 thoughts on “FRAMMENTI DI LIBRI

  1. Attenzione: Ogni intervento all’interno del sito non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto e vagliato. I commenti o le parti ritenute inadatte o offensive non saranno pubblicate.

  2. Letto davvero d’un fiato. Nonostante le molte critiche negative, quando un libro non ti lascia far nulla prima di averlo concluso, non può essere un brutto libro…

    1. Anche io temo sempre molto e in genere escludo di principio i più venduti. Mentre lo compravo incrociavo le dita e speravo sinceramente fosse un libro “serio”, visto anche il consiglio di Stephen King. Ma a libro concluso, posso dirti che non vale proprio la pena. È insipido e non mi ha convinto per nulla. Tutte le aspettative dopo le prime pagine sono scomparse, un peccato! Se hai comunque intenzione di leggerlo, che ci può stare per farsi un’idea e una propria opinione ti sconsiglio di spendere molti soldi in cartaceo come ho fatto io, piuttosto un prestito in biblioteca o la versione ebook 🙂

      1. mmmm vedi ? 🙂 ho avuto l’occhio lungo, mi era successa la stessa cosa con “Non è mia figlia” qualche anno fa…. una cosa illeggibile !

        1. Sì lo capisco, anche io ho acquistato e letto libri che avrei voluto volentieri riportare in libreria e farmi ridare i soldi. 😥 Purtroppo scegliere in base alle classifiche è sbagliato, è meglio entrare in libreria e lasciarsi guidare dall’intuito. I libri migliori di solito si trovano per caso 🙂 ogni tanto però mi costringo a leggere anche libri iper acquistati anche per farmi un’idea generale del tipo ‘a che livello siamo arrivati’. Purtroppo in base alle classifiche di acquisti e lettura si capiscono anche molte cose riguardo il livello della popolazione. Non che siamo tutti scemi eh, ahah, niente del genere, ma mi accorgo che un 7/8 anni fa i libri più venduti valevano, culturalmente, il doppio di quelli ai primi posti ora.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...