large-72

TI HO LASCIATO UN MESSAGGIO SUL FRIGO – ALICE KUIPERS

Claire, 
spero di averti tranquillizzata, tesoro, e spero che adesso tu non sia più tanto preoccupata. Come ti ho detto, il dottore è stato molto gentile. Domani pomeriggio andrò a fare la mammografia, giusto per controllare che sia tutto a posto. Le probabilità che il nodulo sia qualcosa di seria non sono alte. 
Essendo medico immaginavo di non aver prestato abbastanza attenzione alla mia salute, come invece avrei dovuto fare. Comunque andrà tutto bene, quindi per favore smettila di preoccuparti. Non ce n'è proprio motivo. 
Ti voglio bene 
Mamma
Buona fortuna per oggi dal dottore. Mi dispiace di non poter venire con te, mamma...
Tesoro, ho un altro appuntamento la settimana prossima. Ti andrebbe di accompagnarmi? E' lunedì alle 16.30. Se torni da scuola entro le quattro, potremmo andare insieme. Vedi se riesci a farcela.
Un bacio
Mamma

Mamma, stasera baby-sitter. Devo scappare!
Non trovo più la mia chiave. Sarai in casa per aprirmi? Chiamami per farmelo sapere.
Vedrai tuo padre questo weekend? Oppure vuoi che facciamo qualcosa insieme?
Ciao mamma, rientro presto... Magari potremmo guardarci un film.
Potresti darmi 20 dollari extra peeer faaavoooreee?
Vorrei comprarmi quegli stivali, ma non ho abbastanza soldi. Cucinerò io per TUTTA LA SETTIMANA PROSSIMA!
XOX
Mamma, mi dispiace! Credevo di poter venire con te, ma è saltata fuori questa cosa per la scuola. Buona fortuna con il dottore! Fammi sapere com'è andata...
XOX
Mamma???
Dove sei???
Ti ho aspettata per secoli, ero convinta di trovarti a casa. Ho telefonato in ospedale, ma mi hanno detto che non sei tornata al lavoro dopo l'appuntamento con il dottore. Ho addirittura chiamato papà per chiedergli se sapeva qualcosa... Non che lui sia mai a conoscenza dei tuoi spostamenti.
Sono preoccupata. Ho ragione di esserlo? Ho cercato "noduli seno" in Internet, mi sono resa conto che non sapevo bene cosa stavo cercando e d'improvviso mi è venuto in mente che forse avrei dovuto prendere più seriamente tutta questa storia. Se tu fossi a casa, probabilmente sarei meno preoccupata...
BUONGIORNO MAMMA!
Dove sei? Cosa sta succedendo?
Sulla tua agenda c’è scritto che oggi vai a lavorare più tardi. Proverò a telefonarti in ospedale. Perché non hai un cellulare?
C’è della pizza fredda per colazione: ho portato a casa quella che avevo avanzato. Vorrei averti vista. So che sarei dovuta tornare prima dalla pizzeria, ma papà voleva parlarmi di un po’ di cose. Non preoccuparti: non gli ho detto niente.
Dopo la scuola torno subito a casa.
Claire.
Ciao dolce Claire, scusami se ti ho fatto preoccupare, tesoro. Sono andata a fare un lungo giro in macchina. Devo tornare dal dottore alla fine della settimana. Spero che riscopriremo che è tutto a posto e che mi sto preoccupando per niente.
Ti voglio bene. Dovrei essere a casa verso le otto. 
Ha telefonato un certo Micheal.
Un bacio
Mamma
Ciao mamma,
grazie per il messaggio. E’ tutto okay adesso?
Sono da Emma.
XOX
Claire
Ehi dolce Claire,
ceniamo insieme questa sera? Questa mattina sono dovuta andare a lavorare. Ho notato che il mondo non ha smesso di sfornare bambini solo per non disturbarmi.
Faccio un salto fuori a comprare un po’ di cibo per Peter: abbiamo finito tutto, carote comprese. Torno fra dieci minuti.
Ti voglio bene
Mamma
Mamma, quindi dobbiamo solo aspettare la fine della settimana e poi sapremo che è tutto a posto?
Io odio aspettare! Ti ricordi quella volta che aspettavamo il traghetto e siamo rimasti bloccati su quell’isola tutta la notte? Dove eravamo esattamente? Quanti anni avevo?
Ah, ho preso otto in biologia.
Ci vediamo a cena.
XOX
Claire, la cena di ieri sera è stata deliziosa. La ricetta di patate te l’ha data la nonna? Sembravano proprio le sue. Ah, mi sono dimenticata di dirti che era un’isola dell’Indonesia. Ti ci abbiamo portata quando avevi nove anni perché tuo padre doveva fare delle ricerche laggiù. E’ stato poco prima che decidessimo di separarci. Mi sorprende che te ne ricordi. E’ strano quello che i figli ricordano di te. Io ricordo che mia madre cucinava patate deliziose e che, quando tornavamo da scuola, aveva l’abitudine di sedersi a disegnare con noi.
Quel Micheal ha telefonato di nuovo.
Oggi lavoro fino a tardi. Ti voglio bene. Cerca di non preoccuparti, okay?
Mamma
Scusami per il ritardo della paghetta.
Vuoi che venga con te domani?
C.
Vado da sola.
Ci vediamo stasera.
Baci.
Mamma
Claire,
dobbiamo parlare. Sono in camera mia.
Ti voglio bene
Mamma

large-73

Dove puoi acquistare il libro:

31MFbPSiY8L

Il libro è edito da Mondadori ma non più presente sulla piattaforma di acquisto virtuale Mondadoristore. Risulta non presente anche su Ibs.it e registrato ma non acquistabile su Amazon.

Il modo migliore – ed anche economico – per poterlo leggere, se interessati, è il prestito bibliotecario.

Annunci

One thought on “FRAMMENTI DI LIBRI

  1. Attenzione: Ogni intervento all’interno del sito non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto e vagliato. I commenti o le parti ritenute inadatte o offensive non saranno pubblicate.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...