14.La-PietaBasilica-San-pietro-roma-Michelangelo-1998

STABAT MATER – TIZIANO SCARPA

❝ Signora Madre, e se il colore della veste che indossavo quando mi avete depositata qui non fosse casuale?

E se avessero un significato anche i colori della rosa dei venti che avete lasciato come segnale? Non penso ad altro, dalla mattina alla sera, ci rimugino anche di notte, da giorni, da settimane. Provo a interpretare il messaggio nascosto che potreste aver voluto racchiudere in quei colori. Verde, azzurro. Mi avete consegnata avvolta in una camiciola verde. C’era lo stesso colore sul segnale di riconoscimento, nei raggi verdeazzurri della rosa dei venti che ho visto nel registro, sulla pagina della mia nascita. ogni raggio era fatto da due lancette appaiate, una verde e una azzurra. Ma se il segnale è strappato in due, allora questo significa che la parte che è conservata in archivio rappresenta me, sono io la parte che è rimasta all’Ospitale. Dunque la parte che manca siete voi. Io ero vestita di verde, sono la parte verde. Voi siete la parte azzurra. La rosa dei venti era stata tagliata in diagonale, così: ∅. La metà mancante siete voi, l’altro colore, siete l’azzurro, siete l’altra faccia di ogni raggio della rosa dei venti, accoppiato a me, che sono il colore verde. Siete la parte tagliata che si rivolge a sud-est. Sì, dev’essere così, è sicuramente così. Voi siete partita per il mare, verso l’azzurro, a sud-est! Verso la Dalmazia, oppure la Grecia. Io sono rimasta a nord-ovest, sulla terra, dove cresce l’erba, mi avete portata qui vestita di verde. Mi avete abbandonata perché siete dovuta partire, fuggire verso qualche possedimento della nostra repubblica, sul mare slavo, o greco. Oppure siete partita proprio perché mi avete abbandonata, lo avete fatto in seguito alla mia nascita. Ma avete voluto lasciarmi un indizio della direzione che avete preso.

In questi giorni non penso ad altro, faccio mille ipotesi, mi figuro innumerevoli scenari, e sempre al centro di tutte le mie fantasticherie ci siete voi, questa sagoma vuota che mi mette al mondo, si stacca da me, fugge lontano.

Io sono venuta al mondo dal vuoto.

Una nicchia cava, una porzione di spazio mancante, una sottrazione, una piccola quantità di nulla è mia madre.

Questo mi è stato dato in sorte, essere figlia del niente.

Penso du avere intravisto la verità e mi esalto, poi mi abbatto dicendomi che sono solo illusioni, fantasticherie, sto dando troppa importanza a un pezzo di carta straccia, ai colori di un disegno tagliato a metà e di un vestito che non esiste più. Ma che cosa dovrei fare? Mi resta l’immagine di mezzo foglio sbirciato per qualche istante, e la descrizione di un vestito, non ho altro, è tutto quello che so di me, è tutto quello che so di voi. ❞

2ef6e-senzatitolo1

dove puoi acquistare il libro:

978880617124MED

EINAUDI

AMAZON

IBIS.IT

Annunci

One thought on “FRAMMENTI DI LIBRI

  1. Attenzione: Ogni intervento all’interno del sito non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto e vagliato. I commenti o le parti ritenute inadatte o offensive non saranno pubblicate.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...