large-45

IO E TE – NICCOLO’ AMMANITI

❝ Alle nove il sole filtrava attraverso i vetri sporchi in fasci dorati. Forse era il calore dei tubi del riscaldamento, ma in quel posto facevo fatica a rimanere sveglio. Ho sbadigliato e in mutande e maglietta sono andato in bagno a lavarmi i denti. Le ascelle per ora resistevano. Non mi fava impazzire l’idea di sciacquarmi con l’acqua fredda e poi potevo puzzare, tanto chi mi doveva odorare. Mi sono spruzzato l’autoabbronzante e mi sono preparato un panino con la nutella. Ho deciso che avrei dedicato qualche ora a esplorare la cantina. Tutta quella roba apparteneva alla precedente proprietaria del nostro appartamento, la contessa Nunziante, che era morta senza parenti. Mio padre aveva comprato la casa con tutti i mobili e le sue cose e li aveva accatastati lì.

Dentro i cassetti di un vecchio comò scuro ho trovato vestiti colorati, quaderni pieni di conti, settimane enigmistiche risolte, scatole piene di puntine, di fermagli, di penne stilografiche, di pietre trasparenti, di pacchetti di Muratti, di bottigliette di profumo vuote, di rossetti secchi. C’erano anche mazzi di cartoline. Cannes, Viareggio, Ischia, Madrid. Posate d’argento annerite. Occhiali da vista. Ho trovato pure una parrucca bionda che mi sono messo in testa e poi ho infilato una vestaglia di seta arancione. Ho cominciato a girare per la cantina come fosse il salone di un castello. – Buonasera duca, sono la contessa Nunziante, Ah, c’è anche lei contessa Sinibaldi. Sì, questa festa è un po’ noiosa e non ho ancora visto il marchese Cercopiteco. Sarà mica finito nella fossa dei coccodrilli?

Sotto una pila di mobili c’era una lunga cassapanca dipinta di fiori rossi e verdi che sembrava una cassa da morto. – Qui giace il povero Goffredo. Si è mangiato una cotoletta alla milanese avvelenata.

Il cellulare ha incominciato a squillare. Ho sbuffato: – E no! Che palle! Mamma, per favore… Lasciami in pace.

Ho cercato di ignorarlo, ma non ci riuscivo. Alla fine non ce l’ho fatta più e mi sono arrampicato fino alla finestra. Sul display c’era un numero che non conoscevo. Chi era? A me tranne mamma e papà non mi chiamava nessuno. Sono rimasto a fissare il cellulare indeciso. Alla fine, troppo curioso, ho risposto. – Pronto?

Pronto Lorenzo. Sono Olivia. – Ci ho messo qualche istante a capire che era quella Olivia… Olivia, la mia sorellastra. – Sì. Ciao…

Come stai? – Bene, grazie, e tu?Bene. Scusami se ti disturbo. Mi ha dato il tuo numero zia Roberta. Senti, ti volevo chiedere una cosa… Sai se tua madre e papà sono a casa?

Una trappola! Dovevo stare attento. Forse mamma aveva capito qualcosa e usava Olivia per scoprire dov’ero veramente. Ma Olivia e mamma, che io sapessi, non si parlavano. – Non lo so… Sono in settimana bianca. – Ah…

La voce era delusa. – Be’ ti starai divertendo.Sì.Dimmi una cosa, Lorenzo. Ma di solito, a quest’ora, tuo padre e tua madre sono in casa?

Ma che domande faceva? – Papà a quest’ora è al lavoro. E mamma a volte va in palestra o alla galleria. Dipende.

Silenzio. – Ho capito. E se non ci sono loro, c’è qualcuno?C’è Nihal.Chi è Nihal? – Il cameriere.Ah. Bene. Senti, mi fai un favore?Dimmi.Non dire a nessuno che ti ho chiamato.Va bene.Promettimelo.Te lo prometto. Bravo. Divertiti a sciare. C’è neve?Un po’.Allora ti saluto. E mi raccomando. Acqua in bocca.Va bene. Ciao.

Ho chiuso e mi sono tolto la parrucca cercando di capire che voleva quella da me. E perché voleva sapere se c’erano papà e mamma? perché non li chiamava? Ho sollevato le spalle. Non erano affari miei. Comunque, se era una trappola non mi aveva fregato. ❞

large-46

Dove puoi acquistare il libro:

IoetediNiccolAmmaniti

EINAUDI

AMAZON

IBIS.IT

Annunci

One thought on “FRAMMENTI DI LIBRI

  1. Attenzione: Ogni intervento all’interno del sito non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto e vagliato. I commenti o le parti ritenute inadatte o offensive non saranno pubblicate.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...